Acque bianche e nere

Spesso si sente parlare di acque bianche, acque grigie, acque nere. Ma è davvero chiara e condivisa questa classificazione? Vediamo le differenze. 


Le acque bianche sono quelle di origine naturale ed eventualmente utilizzate allo stato naturale. In generale sono acque bianche quelle meteoriche che per dilavamento provengono dalle aree aperte impermeabilizzate (strade, parcheggi, tetti, cortili, ecc), le acque che vengono utilizzate per il lavaggio delle strade, le acque di raffreddamento provenienti da attività industriali e produttive. 

Per acque nere si intendono quelle provenienti da scarichi e riconosciute nocive per la salute pubblica o moleste per il pubblico. In generale sono considerate acque nere:
  • gli scarichi industriali;
  • gli scarichi dei wc;
  • quelle provenienti dalle docce, vasche da bagno, lavabo o bidet
  • gli scarichi provenienti dalle cucine e dalle lavanderie. 

Si usa poi definire acque grigie quel sottoinsieme delle acque nere provenienti da docce, vasche, lavabi e bidet nonché da lavelli e lavastoviglie, lavatrici e lavabi delle lavanderie. Sono acque che in generale contengono un carico significativo di sostanze grasse. 

Infine è possibile imbattersi nella definizione di acque bionde, riferendosi a quelle quelle provenienti dalle docce, vasche da bagno, lavabo o bidet che per definizione non contengono un carico significativo di sostanze grasse. 

Condividi:

Naviga nel sito

Proponi un argomento

Nome

Email *

Messaggio *